Storia

La sede

Le attività

La Voce del Compitese

Il CENTRO CULTURALE DEL COMPITESE nasce a S, Andrea di Compito il 23 marzo 1976 su iniziativa di sette ragazzi che uniscono le loro forze per tutelare, valorizzare e salvaguardare il vasto patrimonio artistico, storico e ambientale del Compitese.
L’idea piace, nel volgere di pochi mesi i soci diventano oltre 50, grazie soprattutto alle vittoriose campagne condotte per far cessare l’attività a una cava che deturpa la valle di Compito e contro la privatizzazione e l’imbottigliamento delle fonti di S. Pietro a S. Andrea di Compito.
L’anno successivo propone al Frantoio Sociale del Compitese e al Frantoio Sociale la Visona di organizzare assieme al Comune di Capannori una MOSTRA MERCATO DELL’OLIO EXTRA VERGINE D’OLIVA. La formula scelta di unire alla gastronomia spettacoli e iniziative culturali da alla manifestazione un successo immediato, tanto da essere inserita nel calendario della Regione Toscana fino al 1987 anno in cui la mostra non viene più organizzata.
Nel 1978 l’associazione diventa una cooperativa. Il 1 maggio dello stesso anno iniziano I lavori per la costruzione degli attuali IMPIANTI SPORTIVI LA VIA FONDA.
Il 1 maggio 1983, dopo cinque anni di lavoro volontario e gratuito, gli impianti che contengono due campi da tennis, una pista di pattinaggio, una zona a verde attrezzato e un edificio che ospita gli spogliatoi, un bar e al piano superiore una sala riunioni di 100 metri quadri che funziona anche da sala lettura per una biblioteca di oltre 1000 volumi, sono inaugurati.
I materiali necessari per la costruzione sono stati acquistati attraverso sottoscrizioni o dal ricavato da attività culturali e da spettacoli teatrali come la Zingaresca (un genere di teatro comico popolare di cui esisteva in paese una tradizione secolare).
Nel 1981 nasce il GRUPPO FOTOGRAFICO che immediatamente si dota di una camera oscura, organizza corsi fotografici e un concorso fotografico nazionale.
Nel 1989 il Centro Culturale del Compitese crea e organizza LA MOSTRA DELLE ANTICHE CAMELIE DELLA LUCCHESIA. Anche questa volta il successo è grande e immediato. La mostra che è giunta alla XX edizione ha raggiunto ormai un interesse internazionale, grazie anche ai rapporti instaurati con la Francia, la Germania, la Spagna e le isole Azzorre.
Nel 2005 l’idea di realizzare un parco in cui siano contenuti tutti i cultivar di camelie presenti in Toscana diventa realtà, l’area individuata dell’estensione di circa 1000 metri quadri si trova a sud del paese di S. Andrea di Compito in un caratteristico spazio costituito da quattro piane racchiuse da storici muri a secco.
Ma in questi anni le nostre iniziative non si sono limitate solo a quanto descritto sopra, perché ci siamo improvvisati redazione stampando giornalini locali, abbiamo organizzato spettacoli teatrali, musicali, eventi culturali, dibattiti, tornei di tennis, di calcetto, marce podistiche e negli ultimi anni anche attività estive per i bambini della zona.